Ping Call – Attenzione alla truffa delle chiamate con numero straniero!

Quanti di voi hanno ricevuto nell’ultimo periodo delle “chiamate perse” da numeri internazionali che iniziano con +216 (Tunisia) o +44 (Regno Unito)? Probabilmente non ci avrete fatto caso, visto che non richiamate mai un numero che non conoscete, ma queste tipo di chiamate sono delle vere e proprie truffe telefoniche.

Le chiamano “Ping Call” cioè chiamate a rimbalzo perchè partono da numeri a tariffazione speciale che hanno, come unico scopo, quello di incuriosire il destinatario che, “richiamando“, spende una fortuna anche per pochi secondi di conversazione.

Infatti questo tipo di numeri può costarvi anche 9€ al minuto, perciò potete capire come in pochi secondi sia possibile prosciugare il vostro credito (se avete un’offerta ricaricabile) oppure letteralmente dissanguarvi il conto in banca se avete un contratto in abbonamento collegato alla carta di credito (link).

Ne stanno parlato tutti i giornali e le Tv, soprattutto la trasmissione “Le Iene” (link), per mettere a conoscenza più persone possibile di questa truffa telefonica ed evitare che ancora più persone, soprattutto bambini ed anziani, ne diventino vittima.

Infatti la “Ping Call”, tramite una finta segreteria telefonica, simulerà uno squillo, un servizio di call center o, semplicemente, inoltrerà la chiamata ad un ignaro utente che, rispondendo e trattenendovi al telefono per capire a sua volta chi siete e perchè lo avete chiamato, farà lievitare il costo della chiamata.

L’ulteriore fregatura è che, essendo voi il chiamante, non potrete chiedere al vostro gestore telefonico di rimborsarvi la somma spesa, perchè la chiamata è partita da voi.

Come fare allora per proteggersi da questi meccanismi subdoli di truffa? Beh, è il buon senso a fare suonare sempre il primo campanello d’allarme: se non avete nessun conoscente che abita all’estero o che può contattarvi da quelle zone, ri-chiamare un numero sconosciuto non è la scelta più intelligente.

Inoltre è possibile scaricare delle app che riconoscono questi numeri a “tariffazione speciale” ed in automatico bloccano le chiamate in entrate ed in uscita, non rendendovi così un facile bersaglio per questi scaltri ladri.

Se tutto ciò non dovesse bastare per fugare i vostri dubbi, provate a fare una ricerca Google con il numero in questione, se è stato già segnalato sicuramente vi comparirà un allert che vi aiuterà a non cadere in questa trappola.