Ecosia, ecco come salvare il pianeta con una ricerca Google (o quasi)

⌚ Tempo di lettura: 2 minuti

Alzi la mano chi non ha sognato di essere un super-eroe almeno per un giorno. Sarebbe fantastico infatti poter avere l’ammirazione del mondo per un gesto nobile quanto semplice che aiuta noi stessi, gli altri e tutto l’ambiente che ci circonda.

Ebbene SI, con Ecosia (link) tutto questo è possibile o almeno facciamo la nostra parte senza sforzi sovrumani.

Infatti Ecosia è un semplice motore di ricerca, proprio come Google ma, a differenza del gigante americano, Ecosia dona l’80% dei suoi utili per riforestare il pianeta, costruire scuole, aiutare i medici in zone di guerra e fornire cibo e medicinali nei paesi colpiti da catastrofi naturali.

Sembra surreale ma Ecosia fa tutto questo in un semplice click e senza dover compiere imprese straordinarie o rischiose. Il funzionamento di Ecosia è semplice: si esegue una ricerca, ci appaino delle pubblicità e… basta.

Noi abbiamo trovato ciò che ci serve online e l’80% del guadagno generato dalle pubblicità viene donato a fondazioni che aiutano il pianeta.

Ecosia è un motore di ricerca solidale fondato nel 2008 e reso disponibile per tutti dal 2009 in concomitanza con la conferenza ONU sui cambiamenti climatici di Copenhagen.

Il motore di ricerca ha inglobato negli anni progetti simili così da diventare sempre più performante e poter competere con Google, Yahoo e Bing.

Negli anni Ecosia ha collaborato direttamente con il WWF, donando milioni di dollari ogni anno per salvaguarda la foresta del Brasile.

Insomma, se anche voi vi sentite ispirati dai movimenti ambientalisti come Friday’s for Future (link) di Greta Thunberg, allora Ecosia è un ottimo passo per iniziare ad essere parte del cambiamento e salvare il pianeta.