Dropshipping – Come vendere online senza avere un magazzino reale!

Per dropshipping si intende un modello di business grazie al quale un imprenditore vende un determinato prodotto ad un utente finale, senza possederlo materialmente nel proprio magazzino, e delegando un terzo soggetto per la spedizione.

Generalmente questo tipo di transazioni avvengono online tramite piattaforme di Ecommerce e si stanno affermando sempre di più come metodo di guadagno online (link).

Data la natura molto semplice del modello di business diverse piattaforme stanno nascendo per incentivare il fenomeno fornendo tutta la struttura logistica necessario per mettere su un Ecommerce in pochi click. Tra gli esempi migliori c’è senza dubbio Shopify (link) e NewCart (link).

Il procedimento è molto semplice, l’acquirente visualizza il prodotto da acquistare sul nostro Ecommerce, procede al pagamento e attende che il corriere consegni la merce.

Tutti i vari step sono “invisibili” per l’acquirente, infatti non appena la nostra piattaforma avrà ricevuto l’ordine ed il pagamento a nostra volta il sistema indicherà al “produttore” di consegnare l’ordine esattamente come l’acquirente richiede e nel nostro imballaggio personalizzato.

In questa maniera un imprenditore può vendere qualsiasi prodotto in tutto il mondo evitando di avere un magazzino fisico e quindi costi fissi e rischi collegati.

Ad esempio non sarà più necessario comprare grandi quantità di merce e lasciarle nel nostro deposito in attesa di venderle, basterà solamente indicare al “produttore” dove e a chi consegnare il prodotto appena acquisto e il gioco è fatto.

I vantaggi di questo modello di business sono evidenti per tutti, per l’imprenditore che abbatte i costi di stoccaggio, il produttore che dovrà solo spedire la merce e l’acquirente che dovrà attendere il prodotto acquistato nelle tempistiche indicate.

Se vi interessa attivare un business in dropshipping la prima cosa che dovete fare è trovare un prodotto interessante e che abbia mercato, successivamente individuare una fabbrica (la stragrande maggioranza sono ovviamente in Cina), prendere accordi con loro (per la produzione e l’imballaggio personalizzato) e controllare di tanto in tanto l’andamento del vostro Ecommerce e aggiornare il catalogo prodotti.

Il procedimento è così semplice e lineare che anche le grandi piattaforme di Ecommerce si stanno evolvendo in tal senso. Un esempio su tutte è Amazon, che permette a venditori esterni di essere presenti e fare business sul loro portate attraverso lo strumento dell’Amazon FBA.