Crowdfunding, lo strumento per finanziare progetti & idee nate sul web!

⌚ Tempo di lettura: 3 minuti

Il crowdfunding è una pratica di microfinanziamento attraverso cui diversi gruppi di persone eseguono delle donazioni per far si che il “progetto sponsorizzato” possa vedere la luce.

Il raggiungimento della somma necessaria è chiamato “goal” e può essere raggiunto in parte o totalmente in un determinato periodo di tempo indicato dagli stessi promotori del progetto.

Nel primo caso, cioè raggiungimento parziale entro il tempo indicato, i promotori si impegneranno a coprire la restante parte vedendosi accreditati solo la somma al momento raccolta.

Nel secondo caso invece, cioè raggiungimento totale, il progetto sarà finanziato immediatamente dalla piattaforma di crowdfunding.

Che sia l’organizzazione di un concerto, la messa in commercio di un prodotto tech o di un servizio online di intrattenimento il crowdfunding è senza dubbio uno strumento che permette di ricevere contributi economici da qualsiasi parte del globo e così poter realizzare il progetto in questione.

Non di rado, ai soggetti che provvedono al raggiungimento del “goal“, vengono destinati contenuti esclusivi (es. merchandising) oppure la possibilità di pre-ordinare il prodotto, prima che venga rilasciato sul mercato.

Visto in questi termini il crowdfunding è un ottimo strumento di finanziamento per molte start-up, soprattutto tecnologiche, che magari hanno un’idea innovativa ma non dispongono dei fondi necessari per iniziare il processo produttivo.

Tuttavia dietro a questi “buoni propositi” si possono pur sempre nascondere “soggetti” senza scrupoli che, sfruttando la buona fede delle persone, semplicemente truffano tutti coloro hanno contribuito al crowdfunding scappando con il “bottino” e facendo perdere le loro tracce.

Non di rado questi lestofanti hanno più volte truffato gli ignari investitori utilizzando poi, il denaro ricavato, non per realizzare il progetto della donazione bensì per mantenere un tenore di vita fuori dalla loro portata.

Per questa ragione, e per tutelare i milioni di utenti che credono nel valore etico del crowdfunding, molte piattaforme specializzate in questo tipo di raccolta fondi richiedono maggiori dettagli e garanzie di attendibilità.

Ad esempio il trasferimento della somma raccolta può essere autorizzato solo se si dimostra lo stato di avanzamento, o studio, del prodotto da finanziare oppure se si dispongono di certificazioni che attestano che un “dato prodotto” è davvero in sviluppo (es. registrazione brevetti).

Tra le piattaforme di crowdfunding più famose al mondo ci sono Kickstarter e Indiegogo le quali negli anni hanno fatto si che “progetti al limite del fantascientifico” abbiano potuto vedere la luce  (es. i traduttori simultanei).

Il crowdfunding pertanto è uno strumento, dell’economia moderna, utile per realizzare sogni (inizialmente) impossibili che, con l’aiuto della Community del web, possono essere sviluppati e messi in pratica.